PALEONTOLOGIA

La preistoria e la scienza esatta

Lo studioso della preistoria è spesso indotto a collaborare con gli esperti delle scienze dette «esatte», dato che la ricerca preistorica moderna si basa sulla fisica, sulla chimica, sulla microscopia, sulla radiografia da un lato, e dall'altro sulla geologia, sulla sedimentologia, sulla palinologia, sulla botanica e sulla zoologia.
I metodi di prospezione rientrano nel campo di diverse tecniche delle scienze fisiche: archeomagnetismo e paleomagnetismo, resistività, ecc.
L’identificazione dei depositi contenenti materiali preistorici è compito del geologo e del sedimentologo, ma questi stessi depositi contengono anche fossili animali e vegetali, la cui identificazione spetta agli esperti in materia. Anche l’osteologia ha una parte importante nella ricerca preistorica, dato che i resti ossei vanno annoverati tra quelli che si conservano meglio.
Le scienze fisiche e chimiche si integrano nell'analisi degli elementi costitutivi dell'oggetto, in particolare delle terrecotte. È possibile studiare le ceramiche per mezzo del microscopio polarizzante, dell'analisi termica differenziale, dei raggi X, delle analisi spettrografiche, chimiche e radiografiche. Queste scienze si rivelano fondamentali anche per la conservazione dell'oggetto.

È evidente il contributo della fisica e della chimica nella datazione dei resti materiali. Oggi si dispone di una serie di metodi di datazione più o meno indicati a seconda del problema considerato. La tecnica del carbonio 14 è di gran lunga la più famosa, ma la sua affidabilità non supera i 70 000 anni. Il rapporto del potassio e dell’argo si rivela invece eccellente quando si è in presenza di oggetti risalenti a oltre 500 000 anni (questa tecnica è stata impiegata con successo nella datazione degli Australopitechi dell’Africa orientale). E’ opportuno sottolineare che tutti questi metodi di datazione sono soltanto agli inizi e che si perfezioneranno col tempo. I risultati raggiunti, combinati con i dati della palinologia costituiscono tuttavia un notevole progresso.

La paleontologia umana è una scienza indissociabile dalla preistoria, e ha conosciuto notevoli sviluppi dopo la scoperta degli Australopitechi dell’Africa orientale. Il suo campo d’azione è costituito dal gruppo zoologico delle scimmie antropomorfe e tenta di ricostruire il processo di umanizzazione a partire dai Primati per arrivare alle razze contemporanee passando per tutti i tipi di Ominidi quali l’Australopiteco, l’Arcantropo, il Paleantropo e il Neoantropo. Lo studioso della preistoria, invece si sforzerà di ricostruire i comportamenti di questi diversi tipi grazie alla loro produzione tecnologica.


Google
 
Categore principali
L’Antropologia
L’Arte degli Uomini Preistorici
I Dinosauri
Primario
Secondario
Terziario
Quaternario
Homo Sapiens
Le Industrie
La Paleobotanica
La Paleozoologia
La Preistoria
La Ricerca Preistorica
La Paleontologia
Menu Ricenca Preistorica
Natura della Ricerca Preistorica
La Cronologia
La Preistoria e le Scienze esatte

Con il temine fossile o reperto archeologico, si intende un essere vivente appartenente al passato senza vita conservato nel tempo attraverso sedimenti rocciosi o resine.

Sito dedicato alla paleontologia e alla preistoria