PALEONTOLOGIA

La Terra nell'era secondaria

All'inizio del Secondario, la superficie del globo può essere descritta come un assemblaggio di due super continenti:
-il blocco laurasiano (America del Nord, Groenlandia, Europa, Asia settentrionale);
-il blocco gondwaniano (America del Sud, Africa, India, Australia, Antartico).
Gli avvenimenti essenziali del Secondario, indispensabili per comprendere la geografia attuale del globo, sono da un lato i movimenti di separazione e di gioco relativo dei due blocchi nella zona instabile detta «della Tetide», e dall'altro la «disgregazione» di ogni blocco con il meccanismo detto «di apertura oceanica»,. Questo meccanismo, continuo e ancora in corso, consiste nella fratturazione dei blocchi continentali, nella loro separazione e nella formazione di un oceano. In seguito all'espansione dei fondi oceanici (sea-floor spreading), l'apertura progressiva degli oceani determina l’allontanamento, poi la deriva dei blocchi continentali. Questo meccanismo, che ha dato vita agli oceani come l’Atlantico o l'Indiano, è anche responsabile della formazione delle importanti cordigliere perioceaniche.

La teoria moderna della tettonica a zolle ha mostrato che l'antagonismo tra blocchi mobili (soprattutto tra dominio oceanico e masse continentali) determinò la nascila di catene costiere del tipo di quella pacifica (catene costiere di tipo andino).
Le prime tappe, più importanti, di questo processo hanno avuto luogo nel corso del Secondario.
Da -180 MA a -135 MA vi è l'apertura dell'oceano Atlantico e di quello Indiano. Questi oceani, dapprima stretti, ricevono a poco a poco depositi. Non contengono molti sedimenti più vecchi di -150 MA. La fine del Giurassico (-135 MA) segna l’inizio della separazione Sud America-Africa e Africa-lndia.
All’inizio del Cretaceo si compie la rotazione dell'America del Sud che si allontana dall'Africa e quella dell’india che ugualmente si distanzia dall'Africa.
Nel Cretaceo medio, poi nel Cretaceo superiore (circa da -100 MA a -70 MA) si ha la separazione completa tra l’Australia e l’Antartico e la fratturazione del blocco Europa (apertura del golfo di Guascogna).

Durante questo periodo movimenti che sembrano antagonisti si sviluppano nella zona della Tetide, assai instabile: in particolare, un'interazione costante tra i blocchi africano ed eurasiatico domina la complessa storia delle geosinclinali mesogee.
Dislocazioni nel Triassico, nel Giurassico superiore e soprattutto nel Cretaceo medio (-100 MA) terminano nell'edificio di ciò che diventerà il sistema alpino, disposto perpendicolarmente all'asse della grande disgiunzione atlantica.


Google
 
Categore principali
L’Antropologia
L’Arte degli Uomini Preistorici
I Dinosauri
Primario
Secondario
Terziario
Quaternario
Homo Sapiens
Le Industrie
La Paleobotanica
La Paleozoologia
La Preistoria
La Ricerca Preistorica
La Paleontologia
Menu Secondario
Caratteri Generali del Secondario
La Vita nell'Era Secondaria
La Terra nel Secondario
Gli Avvenimenti Geologici su Scala Continentale

La paleontologia il termine che indica lo studio di un insieme di discipline: paleontologia tassonomica, paleontologia stratigrafica o biostratigrafia, paleobiologia, paleozoologia, paleobotanica, palinologia, micropaleontologia, paleoicnologia, paleoecologia, paleobiogeografia, paleoantropologia o paleontologia umana, paletnologia.

Sito dedicato alla paleontologia e alla preistoria